Le piastre a induzione: consigli utili

Le piastre a induzione: consigli utili

Tutto quello che c’è da sapere sulle piastre a induzione.

Piastre a induzione

La moda delle piastre a induzione

Le piastre a induzione sono molto di moda perché sono esteticamente belle da vedere, danno un tocco di modernità a qualunque cucina, fanno risparmiare energia e impiegano meno tempo a cuocere i cibi.

Bisogna sapere che il funzionamento delle piastre a induzione è diverso da quelle a gas, in quanto nelle prime si trova appunto un induttore unidirezionale che emana calore sotto la superficie in vetroceramica, evitando in questo modo dispersioni e sprechi.

Elettricità e Dimensioni

Come installare e scegliere le piastre a induzione

Prima di scegliere il modello giusto di piastra a induzione, bisogna sapere che la presenza del piano in vetroceramica impedisce il surriscaldamento, ma per  installarla è necessario conoscere il valore della potenza massima che il proprio contatore è in grado di assorbire, in quanto potrebbe essere necessario apportare delle modifiche e aumentarne la capacità. Grazie al piano ad induzione si pagherà solo la bolletta elettrica e si potrà disdire per sempre quella del gas, a patto che non lo si utilizzi per la caldaia.

Una volta apportate le dovute modifiche al contatore, è necessario passare alla valutazione dei diversi modelli di piastre a induzione, per le quali si devono prendere in considerazione i seguenti parametri:

  • Dimensioni: quelli più piccoli sono solitamente larghi circa 30 cm e sono provvisti di due o tre fuochi, mentre quelli standard ne hanno quattro e la larghezza oscilla tra i 40 e i 60 cm. Per le cucine più spaziose o professionali vi sono anche quelli da cinque o sei fuochi e misurano dai 75 ai 90 cm.
  • Possibilità di combinare diversi fuochi per avere un piano cottura totalmente personalizzato da adattare alle proprie esigenze e gusti;
  • Funzioni.

Nota bene: non tutte le abitazioni, specialmente quelle di classe energetica obsoleta, hanno la predisposizione per le piastre a induzione, mentre quelle di nuova costruzione ne sono solitamente provviste (CLASSE A e B).

Funzionalità

Tutte le funzionalità delle piastre a induzione

Oltre alle dimensioni variabili, le piastre ad induzione possono essere dotate di funzionalità volte a migliorarne le prestazioni e l’efficienza.

Naturalmente più ce ne sono e più il prezzo sale, ma vediamo quali sono le principali per valutare il modello più adatto alle proprie esigenze:

  • Scelta della temperatura: è molto utile per cucinare in modo preciso. Il range di temperatura è solitamente compreso tra i 30° e i 200°;
  • Turbo boost: consente di velocizzare la cottura dei cibi ed è adatta a chi ha poco tempo;
  • Timer: permette di monitorare accuratamente la cottura dei cibi;
  • Spegnimento automatico: una volta raggiunto il tempo impostato, il piano cottura si spegne da solo;
  • Spie di sicurezza: servono ad indicare che la piastra è ancora calda, pertanto è bene prestare la massima attenzione. Sono perfette per chi ha dei bambini o è particolarmente distratto.

Vantaggi

Tutti i vantaggi delle piastre a induzione

Acquistare delle piastre a induzione porta nella propria cucina diversi vantaggi, tra cui:

  • Sicurezza: se non ci sono pentole sopra la piastra, il piano cottura non si scalda. In più i rischi collegati al gas sono inesistenti;
  • Cottura veloce: per far bollire un litro d’acqua saranno necessari solo 3-4 minuti;
  • Risparmio energetico fino al 90%;
  • Praticità nella pulizia;
  • Possibilità di regolare la temperatura a piacere;
  • Design moderno e decisamente accattivante.

Manutenzione e Uso

Come si mantiene e utilizza una piastra a induzione

Come tutti gli elettrodomestici, anche le piastre ad induzione richiedono uno specifico utilizzo e manutenzione.

Prima di tutto, per far sì che diano il massimo delle loro performance, è vivamente consigliato l’impiego di pentole appositamente realizzate per i piani di cottura a induzione e che abbiano il medesimo diametro del fuoco.

Queste sono dotate di fondo piatto, spesso e di ferro, materiale indispensabile al massimo sfruttamento del campo magnetico. Il loro costo è decisamente più alto, ma la loro qualità è altrettanto superiore rispetto ai tegami tradizionali.

Spendere dunque una buona somma di denaro rappresenta un investimento, in quanto questi prodotti dureranno moltissimi anni.

In un secondo momento e in base alle proprie esigenze, sarà poi possibile acquistare accessori compatibili a questo innovativo modo di cucinare che, una volta provato, sarà molto difficile abbandonare: i fuochi tradizionali rappresenteranno solo un lontano ricordo.

Ultimo ma molto importante aspetto delle piastre a induzione è la manutenzione: in questo caso la loro pulizia sarà molto più semplice rispetto ai piani cottura a gas, in quanto vi è solo un piano di vetroceramica liscio e senza griglie.

L’unico accorgimento è l’acquisto di detergenti specifici e di spugne non abrasive, le quali potrebbero rigare e compromettere l’aspetto estetico del piano cottura.

Per scongiurare aloni e incrostazioni, è bene pulire il piano cottura dopo ogni utilizzo. In caso di sporco particolarmente ostinato, si consiglia la rimozione con spazzole appositamente studiate per le piastre ad induzione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi