Categoria: Blog

Sicuramente una delle cucine più apprezzate del mondo, per stile, tradizione e soprattutto per raffinatezza. Gettiamo uno sguardo generale sulla cucina francese e sui piatti che hanno fatto la storia di questa cultura culinaria.

La colazione in Francia: ecco alcuni piatti tipici

Volete conoscere qualche prodotto tipico? Presto detto: vi consigliamo le viennoiseries, prodotti di panetteria a base di pasta sfoglia (vengono servite a colazione negli hotel o consumate nei bar).

Il pranzo nella cucina francese

Altra storia per il pranzo. Qui la qualità risulta in linea con le altre tradizioni europee anche se le differenze non mancano. L’antipasto è chiamato entrée (si tratta di un piatto costituito da verdura cruda o salumi anche se può includere alcuni tipi di frutta); il piatto principale è rappresentato da carne o pesce presentati insieme a verdure cotte, pasta o riso. Il pranzo è a volte accompagnato da vino o, occasionalmente, da birra.

La cena alla francese

La successione delle pietanze, per quel che riguarda la cena francese, è molto simile a quella del pranzo.

Accanto ai gusti classici come cioccolato, nocciola, vaniglia e pistacchio, si possono trovare anche novità come caramello e sale, pepe di Giava. È composto da bianco d'uovo montato a neve, farina di mandorle e zucchero a velo con all'interno la crème ganache. Altro dolce molto comune e amato dai francesi è la tarte tatin. Questa torta di mele rovesciata è stata inventata alla fine del XIX secolo dalle sorelle Tatin.

Viennoiseries della cucina francese

I Viennoiseries sono dolci da forno, tipici della cucina francese, la cui realizzazione si avvicina molto a quella del pane. Ne sono un esempio le brioche, i croissant.

Tipologie Viennoiseries

I dolci della cucina francese che rientrano nella categoria dei Viennoiseries sono i tipici croissant per la colazione, il Pain au chocolat, ovvero un dolce di pasta sfoglia con pezzi di cioccolato, le Brioche, al naturale, zuccherate o con pezzi di cioccolato.

Ancora, possono essere considerati Viennoiseries i Beignet, ripieni di crema, mela, marmellata o crema di cioccolato, lo
Chausson aux pommes, una specie di calzone dolce di pasta sfoglia ripieno di mela, idealmente simile allo struel, e il Pain aux raisins, un pane fatto di pasta sfoglia con uvetta.

Caratteristiche Viennoiseries

I Viennoiseries vengono preparati e venduti tipicamente nei forni francesi, che prendono il nome dai dolci stessi, e si differenziano dalle patisserie, specializzati in torte.
Per capire ancora meglio di cosa si tratta, basta pensare alle Brioche, il più tipico e conosciuto fra i Viennoiseries, che non è altro che un dolce lievitato e cotto al forno, i cui ingredienti principali sono la farina, le uova, il burro ed il ievito.

Le brioche possono essere farcite con crema pasticcera, crema al cioccolato oppure marmellata.

Ricetta della Ratatouille

La ricetta del ratatouille è sicuramente la più diffusa in italia, perchè molto simile alla nostra "Caponata", ci sono infatti diversi ristoranti a Roma che fanno questo piatto.

Oltre ad essere un famoso topo della Disney che si diletta nella cucina dei ristoranti francesi con fantasiose ricette, il Ratatouille è uno dei piatti tipici della cucina francese a base di verdure ( un po’ come la nostra Caponata). Vediamo come realizzare un'ottima Ratatouille con verdure fresche e tanta pazienza per tagliarle.

Ingredienti Ratatouille

  • 2 spicchi di aglio
  • 2 foglie di alloro
  • basilico
  • 2 cipolle
  • 2 melanzane
  • 6 cucchiai di olio d’oliva
  • 1 peperone rosso ed 1 peperone verde
  • 500 gr di pomodori ramati
  • 2 rametti di timo
  • 2 zucchine
  • pepe

Preparazione Ratatouille

Lavate e ripulite del loro interno superfluo tutte le verdure; tagliatele poi in strisce di almeno 2 cm.
Tagliate anche le cipolle pelate in quattro, e affettatele. Per quanto riguarda i pomodori, lasciateli per qualche secondo in acqua bollente in modo da poterli pelare e tagliare liberandoli anche dai semi.

In una padella fate un soffritto con 3 cucchiai di olio e la cipolla, e aggiungete i peperoni.

Aggiungete dell’acqua se serve, e quando i peperoni saranno leggermente teneri unite i pomodori,il timo, l’alloro,l’aglio tritato e il sale. Lasciate cuocere per 40 minuti circa. La Ratatouille è pronta per deliziare i vostri palati.

Read Full Article

Cos'è il tartufo? Il tartufo è un tipo di fungo molto particolare perché ipogeo, ossia sotterraneo. Nasce e cresce sotto i nostri piedi, finché non ci capita la fortuna di trovarlo, spesso vicino a querce, noccioli, carpini o altri alberi a cui si associa e dalle cui radici trae nutrimento. Ha forma tondeggiante o globulosa e ha una scorza esterna, simile a una corteccia, detta peridio, che può essere liscia o rugosa. Il profumo del tartufo è inebriante, intenso, inconfondibile. Ne esistono decine di specie in natura, anche se di queste solo 9 sono commestibili. Noi le dividiamo semplicemente in due categorie in base al colore: bianco o nero.

Tartufo bianco e tartufo nero: prezzi e annate

Anche se entrambi buonissimi e ricercati, il tartufo bianco ha fama di essere il più pregiato. Ma quanto può costare un tartufo? Questo dipende molto dal calibro. Infatti si possono trovare tartufi grandi o piccoli, l'importante è che siano integri. Il prezzo del bianco può superare i 2 mila euro al kg per pezzi di almeno 50 grammi, ma può anche raggiungere i 5 mila euro in periodi di siccità o di scarsa disponibilità. Mentre per quelli di peso inferiore il prezzo scende sui mille euro al kg. Anche per il tartufo nero funziona così, anche se il livello è decisamente più basso: si va dai 150 ai 300 euro al kg. Negli ultimi tempi sono aumentate levendite di tartufo online, che è una buona soluzione per un prodotto non così facile da rintracciare sui nostri tradizionali mercati e supermercati. Sul web potete avere a disposizione un ampio ventaglio di offerte, con qualità e prezzi diversi. L'unico accorgimento che dovete avere è assicurarvi che sia fresco: il tartufo nero infatti si conserva per una decina di giorni, mentre il bianco e bianchetto al massimo una settimana. Ma arriviamo alla domanda che vi starete ponendo: è una buona annata per comprare? Nel 2017 i prezzi erano aumentati parecchio a causa del clima molto secco, mentre l'autunno 2018 si è aperto con un dimezzamento dei prezzi. Questa sembra a tutti gli effetti essere un'ottima annata!

Come si pulisce il tartufo?

Spesso, quando lo acquistiamo, non lo troviamo mai bello pulito: non si tratta di una trascuratezza di chi lo vende, al contrario, tenerlo sporco di terra è un metodo per conservarlo meglio. Il tartufo infatti è un prodotto molto deperibile, per questo va maneggiato con cura e toccato il meno possibile. Va pulito accuratamente, ma sempre con delicatezza, al momento di cucinarlo o congelarlo. Usate uno spazzolino e non mettetelo in acqua se non è assolutamente necessario per togliere eventuali residui di terra.

Il tartufo in cucina

Essendo un prodotto del bosco, si sposa benissimo con la selvaggina, ma può intensificare anche una semplice tagliata o un carpaccio. Nei primi si può utilizzare come ripieno per i tortellini o per coronare delle tagliatelle ai funghi. Un modo interessante per cucinarlo e conservarlo è fare il burro tartufato, che saprà rendere speciale qualsiasi pietanza a cui lo aggiungerete.

Un'ultima curiosità: sapevate che il tartufo è un buon indicatore della salubrità di un ambiente? Non tollera infatti il minimo inquinamento, per cui la sua presenza è una garanzia della qualità dell'ecosistema in cui si trova.

Read Full Article

Nduja: cos’è e come gustare il morbido insaccato calabrese

La Nduja è un insaccato di maiale di origine calabrese ormai conosciuto in tutto il mondo per il suo gusto piccante inconfondibile, la sua consistenza morbida e il suo colore rosso intenso. Forse non tutti sanno che la ricetta originale della Nduja è di Spilinga, un piccolo comune in provincia di Vibo Valentia dove la produzione di questo insaccato è una vera e propria tradizione. Quali ingredienti rendono la nduja così particolare? E come possiamo gustarla al meglio? Vediamo insieme tutti i segreti di questo orgoglio calabrese!

Cos’è la Nduja

La Nduja è un insaccato di maiale, una preparazione molto semplice a base di pochi ingredienti: spalla, pancetta, guanciale, coscia e sottopancia di maiale vengono tritati finemente e lavorati con l’aggiunta di peperoncino piccante sia fresco che essiccato nella proporzione di 1 a 3 rispetto alla carne. Il peperoncino è senza dubbio l’ingrediente fondamentale: dona infatti il sapore deciso e il colore rosso vivo a questo salume. Gli ingredienti, una volta amalgamati vengono insaccati nel budello naturale del maiale, anche detto budello cieco. Una volta pronta, la nduja viene affumicata bruciando come da tradizione legno di ulivo e successivamente essiccato e stagionato in un luogo fresco per un periodo di tempo che va dai 3 ai 5 mesi. Caratteristica essenziale della nduja è il suo essere priva di coloranti o conservanti: il peperoncino infatti è un antiossidante naturale che permette la conservazione di questo insaccato.

Dove si produce

La  ricetta tradizionale della Nduja è originaria della provincia di Vibo Valentia in Calabria, nello specifico di  Spilinga, un piccolo comune diventato famoso proprio per la preparazione e la produzione di questo salume. Come per tutte le tradizioni contadine,  le sue origini si perdono nel tempo diventando patrimonio di tutti. Di certo sappiamo che preparare la Nduja era il miglior modo per utilizzare le parti più povere del maiale conservandolo per lungo tempo grazie al peperoncino.

Come si mangia

Dato il suo sapore inconfondibile, la nduja non ha bisogno di essere unita a molti altri ingredienti: è perfetta ad esempio per un aperitivo gustoso se spalmata su una fetta di pane casereccio leggermente tostato magari accompagnato ad una fetta di caciocavallo. In Calabria viene spesso utilizzata come base di soffritto per un’alternativo spaghetto olio, aglio e nduja:  vi basterà scolare la pasta al dente e condirla con il preparato di nduja rosolata, una vera e propria esplosione di gusto! Per i più temerari il consiglio è di gustarla sulla pizza o su una focaccia bianca. La nduja ha un sapore deciso e se non siete abituati alla piccantezza vi consigliamo di non esagerare nelle quantità!

Fonte: Nduja: cos’è e come gustare il morbido insaccato calabrese

Read Full Article

Nelle occasioni speciali, quali San Valentino o un anniversario, alla proposta di mangiare fuori associamo spesso la cena a base di pesce.
Sarà che è un alimento difficile da preparare e ovviamente chi ci riesce, non sarà mai bravo quanto uno chef stellato! E poi l'atmosfera…beh, vogliamo parlarne? Che si tratti di un ritrovo di pescatori o un ristorante di lusso, nulla di riproponibile in casa. Si, ma quale ristorante scegliere?
Per fortuna ci viene in aiuto il fantastico servizio offerto dalle Smartbox.
Le Smartbox sono cofanetti contenenti una vasta selezione di attività di ogni tipo, spaziando tra sport, avventura, benessere e, appunto, cibo.
Qui di seguito vi proponiamo 3 Smartbox tra le quali potrete scegliere la vostra cena a base di pesce.

Come funziona Smartbox

Per chi non lo conoscesse, Smartbox è un servizio che offre la possibilità di fare un regalo davvero speciale, non oggetti fisici ma bensì un'esperienza. Acquistando un cofanetto si possono regalare le più svariate emozioni, da soggiorni in spa di lusso a lanci col paracadute. Chi riceve il cofanetto dovrà poi registrarlo online e scegliere e prenotare tra le numerosissime strutture aderenti in ogni parte d'Italia.
Il prezzo dei cofanetti è molto variegato e va dai 24,90€ ai 699,90€. Quelli che vanno per la maggiore sono senza dubbio quelli che offrono cene ed esperienze di tipo gastronomico. Nello specifico, nei cofanetti proposti in questo articolo sono disponibili delle indimenticabili cene a base di pesce.

Invito a cena

Il più economico di questa nostra selezione costa 54,90€. Invito a cena offre un menù di due o tre portate per due persone in più di 2000 locali aderenti. Tra ristoranti della tradizione e quella esotica, le cene a base di pesce disponibili in questo cofanetto sono ben diciotto!

Cene da chef

Con il cofanetto Cene da chef, al prezzo di 69,90€, regalerete un menù di tre o quattro portate per due persone. L'esperienza è fruibile in quasi 1500 ristoranti e quelli che offrono una cena a base di pesce sono in questo caso dieci.

Fuga da assaporare

Questa scelta offre un'opzione in più, oltre alla cena per due persone infatti, nel cofanetto Fuga da assaporare vi è compreso nel prezzo di 89,90€ una notte in agriturismo o hotel e colazione. Le proposte sono mille, di cui ben tredici a base di pesce!

Smartbox ha selezionato per noi i ristoranti che offrono cene a base di pesce, a noi non resta che stabilire il nostro budget e via, per una nuova esperienza di gusto.

Read Full Article

Una perfetta idea regalo per sorprendere chi lo riceve è uno smartbox per una cena speciale, magari in un ristorante particolare che offre ricette uniche e deliziose. All'interno di questi cataloghi è possibile trovare diversi tipi di ristoranti a base di carne. Questi box ormai si trovano un po’ovunque, è possibile acquistarli anche su Amazon, dove c’è un’ampia scelta per tipologie di cene e location. E’ possibile trovare il giusto cofanetto con percorsi enogastronomici per due, un regalo che non ha nulla di materiale, piuttosto di sensoriale.

  • Cene da chef
  • Fuori a cena
  • Un mondo di sapori
     

Cene da chef

All'interno di questo smartbox c’è una scelta tra ben 905 cene da tre portate per ristoranti che offrono cucina gourmet o tradizionale. Il buono è per due persone e prevede la possibilità di prenotare in uno dei tanti ristoranti una squisita cena in cui assaporare piatti tradizionali o qualcosa di più ricercato, a base di carne ma se lo si preferisce anche di pesce. Ha una validità di due anni e al suo interno contiene ristoranti di altissima qualità, molti dei quali a base di carne. Come il ristorante Miramonti, che offre cucina tipica della località bergamasca Casoncelli di Valle Imagna, ravioli tradizionali con ripieno di carne, di manzo, di maiale e tante altre specialità.

Fuori a Cena

Questo smartbox offre 1630 cene diverse in ristoranti internazionali o tipici. La cena è di tre portate per due persone ed è possibile scegliere di cenare in location davvero meravigliose. Tra la scelta dei ristoranti ci sono anche quelli a base di carne come il Colle di Costa, un antico monastero francescano vicino a Labro, dove poter gustare tutti i piatti locali casarecci, dal sapore unico e intenso. L’offerta è ampia e in grado di soddisfare anche i gusti più difficili, il tutto è incorniciato in un meraviglioso giardino o nella splendida terrazza, un posto davvero unico.

Un mondo di sapori

Questo smartbox offre 135 cene in ristoranti MICHELIN, è valido per due persone e ha al suo interno solo location di un certo livello, la cui cucina è di altissima qualità. Tra questi ci sono ristoranti unici come Svevia, che si trova a Termoli nel Borgo Vecchio. Qui è possibile gustare piatti tipici della cultura enogastronomica locale rivisitati in una chiave più moderna, molte le ricette a base di carne, dal sapore unico e delizioso. Una location splendida, curata in ogni minimo dettaglio, al cui interno c’è un personale disponibile e altamente professionale.

Se si vuole regalare un’esperienza enogastronomica, gli smartbox cene per due, sono l’idea perfetta, un modo per viziarsi e coccolarsi in location uniche ed eccellenza.

Read Full Article

Per chi è alla ricerca di una idea regalo originale che lasci senza parole, le smartbox sono perfette. Si tratta di veri e propri cofanetti da regalare, con le quali il destinatario può liberamente scegliere l'esperienza che più preferisce. Una delle smartbox più richieste è quella che comprende una cena per due all'interno di uno dei ristoranti etnici a scelta tra la vasta selezione offerta dalle Smartbox. Si tratta di un vero e proprio regalo da vivere, perfetto per stupire una persona amata, amici o parenti, con un regalo personalizzabile, basterà scegliere il tour gastronomico preferito e prenotare on-line per vivere una cena all'insegna dei gusti etnici più unici e lasciarsi sorprendere dalle novità gastronomiche proposte.
Vediamo come funziona il servizio:

Smartbox: regali originali da vivere

Con la smartbox è possibile regalare a chi è appassionato di cucina etnica, una cena per due in un ristorante a scelta tra quelli che hanno aderito al servizio. Grazie a questo regalo, il destinatario sarà immerso in un vero e proprio viaggio attraverso il gusto ed i sapori orientali ed esotici, curry, cumino o cannella, si verrà deliziati attraverso un tour gastronomico sorprendente. La scelta di quale gusto preferire spetta al destinatario della smartbox, cucina cinese, Giappone o indiana, si aprirà letteralmente un mondo di gusti tra cui scegliere.

 

Cosa è compreso all'interno della Smartbox?

Il cofanetto regalo comprende al proprio interno una serie di brochure per scegliere in modo più facile il posto preferito in cui cenare, basterà scegliere il luogo e il cibo da mangiare e la persona da portare con sé. La scelta può ricadere su una romantica cena per due a due passi dal centro storico, presso una sala privata, la cena comprende tre portare tipiche della cucina etnica ed un gustosissimo dolce tradizionale. La smartbox è uno dei regali più originali per sedurre chi la riceve grazie ai sapori e alle tradizioni di Paesi lontani.

 

 

 

Quanto tempo è valida una smartbox

Dal momento in cui si riceve una smartbox, si hanno a disposizione circa due anni per poter decidere il ristorante in cui andare a cena, il periodo di validità può essere prolungato entro i due anni, in modo da permettere a chi la riceve di organizzarsi e scegliere al meglio la tipologia di cena che desidera. Un romantica cena dai sapori indiani tradizionali, un cena moderna all'insegna della tradizione Giapponese o cinese, un'incantevole ristorante vietnamita, solo per pochi intenditori. Basterà scegliere e prenotare on-line l'esperienza di gusto cui abbandonarsi.

 

 

 

Read Full Article

Negli ultimi anni i ristoranti che propongono cucina giapponese sono diventati sempre più numerosi, suscitando curiosità verso alcuni e diffidenza verso altri. Per chi ama questa cucina è facile ritrovarsi in mezzo a queste divergenze di opinioni, magari con qualche amico nell'organizzare un'uscita serale, ritrovandosi poi nel solito ristorante a leggere il solito menù. Una proposta interessante per riuscire a convincere anche i più diffidenti a scoprire il sushi è sicuramente quella di regalare uno smartbox utilizzabile proprio in un ristorante giapponese. In questo articolo vi daremo tre spunti, di tre diverse smartbox acquistabili on line, a tre diversi prezzi, per provare a convincere anche il più tradizionalista della tavola.
 

  • Peccati di gola
  • Invito a cena
  • Cene da chef

Peccati di gola

Questo cofanetto propone 1710 opzioni, tra degustazioni salate, dolci e alcoliche per due persone, dislocate su tutto il territorio italiano. Tra queste 1710 il sushi viene servito in ben ventitré ristoranti in cui poter scegliere quale pietanza ordinare, magari accompagnata dalla bevanda tipica giapponese: il sakè. Costo di questo cofanetto € 29,90.

Invito a cena

Questa smartbox dà diritto ad una vera e propria cena da tre o quattro portate, a seconda del ristorante scelto tra i 1615 disponibili per due persone. In questo caso sono sedici le differenti proposte di cucina giapponese, al costo di € 54,90.

Cene da chef

In questa tipologia di Smartbox è compresa una cena da tre o quattro portate per due persone da poter consumare in 905 diversi ristoranti in tutta Italia. Undici sono i ristoranti giapponesi disponibili in questa guida che offrono le preparazioni tipiche della loro tradizione.
Costo della Smartbox € 69,90.

L'utilizzo di questi cofanetti è davvero semplice, perché all'interno di essi è presente una guida con foto e descrizione di tutti i bar, pub, osterie e ristoranti convenzionati tra cui fare la propria scelta, con i relativi contatti per poter prenotare. Al momento del pagamento sarà poi sufficiente esibire il codice presente dentro alla Smartbox e il gioco è fatto.
Essendo tutto così semplice può essere il modo ideale per assaggiare per la prima volta il sushi oppure, per chi già è un amante di questa cucina, sperimentare un nuovo ristorante.
Oltre alle pietanze cucinate in un modo molto diverso rispetto alla nostra tradizione, non dobbiamo trascurare l'aspetto più meccanico per poterle mangiare, ovvero l'utilizzo delle bacchette. Sarà sicuramente divertente, almeno all'inizio della cena, provare ad approcciarci al cibo senza le nostre posate!

 

 

Read Full Article

Gli amanti della cucina apprezzeranno di sicuro ricevere come regalo uno smartbox per una cena in un ristorante fusion. Su Amazon esistono una serie di cofanetti perfetti per ogni gusto.

  • Cos'è un ristorante fusion
  • Smartbox per cene di classe
  • Smartbox per cene gourmet
  • Smartbox per degustazioni

Cos'è un ristorante fusion

Un ristorante fusion è un locale all'interno del quale la cucina fonde elementi della tradizione con ricette innovative da ogni parte del mondo, per creare piatti unici e all'avanguardia.
Il concetto principale che sta alla base della cucina fusion è quello della creazione di sapori nuovi e appaganti e alla nascita di piatti all'apparenza semplici ma complessi, dove si fondono aromi, spezie e odori di tutto il mondo.

Smartbox per cene di classe

Chi ha il palato raffinato potrà godere di un'esperienza unica scegliendo il cofanetto smartbox "Un mondo di sapori", dove sarà possibile scegliere una cena d'autore per due persone composta da quattro portate in ristoranti selezionati dalla famosa guida Michelin.
In questo cofanetto le possibilità sono di 135 cene differenti da gustare in ristoranti di lusso sparsi per tutta Italia, che vantano non solo una cucina di qualità ma anche una collocazione speciale in strutture architettoniche di grande fascino.

Smartbox per cene gourmet

Per assaporare una vera cucina fusion si ha la possibilità di acquistare il cofanetto smartbox "Cene da chef", mediante il quale si potrà cenare insieme a un'altra persona presso un ristorante di chef estrosi e fantasiosi, che amano inventare sempre piatti nuovi partendo dalle basi tradizionali della cucina italiana.
In questo cofanetto sono disponibili 905 combinazioni di cene ognuna delle quali prevede tre portate, per appagare tutti i sensi.
In base al gusto personale potranno essere scelte destinazioni diverse in tutta Italia, tra le quali ristoranti della tradizione e Bistrot moderni e raffinati.

Smartbox per degustazioni

Chi vuole assaporare molti sapori nuovi potrà essere accontentato con il cofanetto smartbox "Peccati di gola", all'interno del quale sono disponibili ben 1710 tipologie di degustazioni di tipo dolce, salato e alcoliche.
L'esperienza gastronomica per due persone è un toccasana anche per gli occhi, date le favolose composizioni di finger food e stuzzicherie varie.
I locali a disposizione sono dei più svariati, dai ristoranti giapponesi che preparano il sushi più buono e la migliore cucina esotica, passando per agriturismi immersi nella natura, fino a ristoranti di lusso e prestigio, collocati in strutture affascinanti e piene di charme.

Read Full Article

Impasto per focaccia: la ricetta base per realizzarla alta e morbida

Facile 50min Per 4 persone

ingredienti

  • Dosi per una teglia
  • Farina 00 350 gr • 750 kcal
  • Lievito di birra fresco 6 gr
  • Sale fino 1 cucchiaino
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai • 21 kcal
  • Acqua tiepida 100 ml
  • Acqua frizzante tiepida 150 ml

Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La pasta per focacce si prepara con pochi e semplici ingredienti, potrete così realizzare in poco tempo un impasto per focaccia soffice, ideale per essere condita oppure farcita come più vi piace. Vi basteranno infatti solo farina, lievito di birra, acqua, sale e olio extravergine d’oliva per realizzare una focaccia alta e morbida: nella nostra ricetta abbiamo aggiunto una parte di acqua frizzante che rende la pasta ancora più morbida. L’impasto per focaccia differisce di poco rispetto alla pasta per fare le pizze: per realizzare la focaccia viene utilizzata una quantità maggiore di acqua, in quanto la pasta dovrà essere molto morbida, ben idratata e ben lievitata. Una volta pronto l’impasto potete utilizzarlo per realizzare una focaccia semplice, o arricchirla come più vi piace e consumarla per uno spuntino o per una cena sfiziosa.

Come preparare l’impasto per focaccia

Versate la farina nella planetaria oppure disponetela a fontana su una spianatoia. Aggiungete l’acqua tiepida, sia naturale che frizzante, nella quale avrete sciolto il lievito. Non appena la farina avrà assorbito tutta l’acqua aggiungete il sale e l’olio.

Lavorate l’impasto per circa 10 minuti, fino a quando risulterà liscio ed elastico. Trasferite ora la pasta per focacce in una ciotola leggermente infarinata, copritela con un canovaccio pulito e lasciate lievitare per 3 ore o fino a quando l’impasto non avrà raddoppiato il suo volume. A questo punto la vostra pasta per focacce è pronta per essere stesa e utilizzata per le vostre preparazioni.

Consigli

Per rendere più profumato l’impasto per focaccia potete aggiungere agli ingredienti 10 ml di vino bianco.

Per la cottura della ottimale dell’impasto per focaccia preriscaldate il forno alla massima potenza, così che possa cuocere in poco tempo e restare morbida all’interno e dorata all’esterno. Una volta che l’impasto avrà terminato la lievitazione, stendete l’impasto nella teglia unta con l’olio. Aggiungete sale grosso in superficie, puntellate con le dita, aggiungete l’olio e cuocete a 220° per circa 20 minuti.

In alternativa alla ricetta base della focaccia potete realizzare la focaccia ripiena, da farcire con prosciutto e mozzarella o con gli ingredienti che preferite o che avete in casa.

Conservazione

Cuocete la pasta per focacce subito dopo la lievitazione: in questo modo la vostra focaccia potrà essere conservata per 2-3 giorni coperta con pellicola trasparente, per mantenerla morbida. Prima di consumarla vi basterà poi scaldarla in forno.

Fonte: Impasto per focaccia: la ricetta base per realizzarla alta e morbida

Read Full Article

Prepariamo piatti ricchi di fibre

Cerchiamo di includere ogni giorno nella dieta grandi porzioni di fibre attraverso una scelta attenta degli alimenti, un compito facile che consente anche di creare nuove combinazioni creative in cucina

Il ruolo dell’alimentazione per il benessere personale si conferma sempre più determinante, la presenza o meno di specifiche sostanze nei piatti consumati giornalmente determina una serie di conseguenze dirette sulla salute dell’organismo.

Si dovrebbe avere sempre presente quali sono queste sostanze e da dove è possibile procurarsele sapendo che da loro dipende quanto riusciamo a prevenire e poi in parte alleviare patologie molto invalidanti non solo nell’ambito fisico, ma soprattutto mentale.

Doversi confrontare giornalmente con una patologia come il diabete, giusto per fare un esempio di una di quelle più pesanti da gestire, mina anche la salute dei propri pensieri interni rischiando di condizionare in negativo scelte, decisioni e rapporti sociali.

La lista delle sostanze alimentari positive è abbastanza lunga, ma ve ne sono alcune che sono sicuramente più importanti di altre e almeno di queste dovremmo preoccuparci di vederle inserite nelle nostre preparazioni di tutti i giorni.

Visto che abbiamo accennato al diabete ne cito una fondamentale che non è per nulla difficile assimilare perché presente in molti cibi: le fibre.

La loro presenza costante nella dieta garantisce di correre meno rischi rispetto all’insorgenza delle degenerazioni legate in primo luogo al diabete e poi a cancro, infarto e ictus.

La conferma è venuta da una ricerca dell’Università di Otago in Nuova Zelanda che ha vagliato e messo a confronto 185 studi diversi per un totale di 135 milioni di persone coinvolte.

Aumentando di soli 8 grammi le fibre consumate nella dieta giornaliera si può ridurre dal 5 al 27% il pericolo di contrarre le malattie cardiovascolari nel complesso, il diabete tipo 2, molte patologie tumorali alzando allo stesso tempo le barriere difensive nei confronti di ictus e infarti.

Le fibre le troviamo in gran quantità abbondanti nei legumi e nei cereali integrali oltre che in tutte le verdure, gli ortaggi e la frutta fresca di stagione.

Nel decidere le ricette come nel crearle di nuove dovremmo impegnarci nell’inserire il più possibile questi alimenti trovando quelle soluzioni creative che rendono il piatto piacevole e gustoso.

Un approfondimento molto interessante sulle fibre, sulle loro caratteristiche e particolarità con un elenco dettagliato degli alimenti che ne sono più ricchi lo trovate in questo bel articolo del sito.

Serve fare in modo che almeno 3-4 dei cibi inseriti nell’elenco siano presenti giornalmente combinando e incrociando consistenze e aromi, un compito tutto sommato non difficile e che magari può stimolare nella creazione di nuove soluzioni gustose in cucina!

Fonte: Prepariamo piatti ricchi di fibre

Read Full Article