I vini della California: quali sono i migliori tre?

I vini della California: quali sono i migliori tre?

I vini californiani sono molto noti e apprezzati in tutto il mondo. Anche se caratterizzato da una storia molto più recente rispetto a quella dei vini europei, il vino della California ha saputo subito imporsi per il suo saper alternare il classico e la tradizione vinicola alla sperimentazione di nuove tecniche di produzione e nuovi sapori. Così, se da un lato si possono trovare bottiglie simili al Bordeaux o alla Valle del Rodano, dall'altro è possibile assaporare gusti originali e tipici di uno stile prettamente californiano.

 

Le principali caratteristiche dei vini della California

Se avete intenzione di recarvi in California per un viaggio di piacere o di lavoro non potrete evitare di gustare un buon vino. Ci sono appassionati di viticoltura ed enologia che regolarmente si recano negli Stati Uniti proprio per poter acquistare bottiglie pregiate. Si tratta di una scelta particolare, resa più semplice dalla possibilità di viaggiare grazie al visto ESTA da richiedere online entro 72 ore dalla partenza (info al sito: Visto-Usa.it). Proprio questi appassionati scelgono di volta in volta, a seconda dei gusti e delle annate, di recarsi presso una delle principali zone produttive californiane, optando quindi per un vitigno o per un altro, per poter assaporare in pieno la bontà dei vini della California.

Questi derivano da alcuni vitigni principali, tra cui si ricorda in particolare lo Zinfandel, un vitigno Primitivo, e da uve internazionali, soprattutto francesi e italiane. Si potrà quindi optare per una bacca bianca come lo Chardonnay o il Sauvignon Blanc, il Pinot Bianco o il Pinot Grigio nonché il Moscato bianco. Chi preferisce la bacca nera potrà puntare sul Cabernet Sauvignon, il Merlot, il Pinot Nero, il Barbera o il Sangiovese.

Le numerose aree di produzione permettono di ottenere un'elevata varietà di vini che presentano tuttavia una caratteristica comune. I vini della California presentano un sapore morbido, quasi sempre fruttato.

 

 

I vini Top della California

Le aree vinicole californiane più importanti sono otto. La prima, la Napa Valley, è considerata anche quella che produce vini di elevato pregio. Nel 2016 proprio un vino della Napa Valley è stato eletto il migliore del mondo. Le altre sette arre di produzione di vino sono Los Carneros, Sonoma County, Livermore Valley, Lake County, Mendoncino, Sierra Foothills e l'area della Central Valley.

L'elevata quantità di vitigni e di aree di produzione dà vita a un numero altrettanto alto di vini e scegliere quali siano i migliori non è sempre facile. Le esperienze dei migliori Assaggiatori di Vini e Sommelier ha però evidenziato quelli che possono essere considerati i vini top della California.

Il primo è un bianco, l'Essence Sauvignon Blanc del 2009, prodotto nella Napa Valley. Si tratta di un prodotto dal colore paglierino e il gusto deciso. La gradazione è di poco più di 14° e può accompagnare un gran numero di piatti di mare o di terra avvolgendoli con il suo sapore.

Sempre dalla Napa Valley proviene un altro ottimo vino, un Cabernet Sauvignon, del 2006, il Cyrus Ryan Vineyard. Caratterizzato da un gusto speziato e pungente ma allo stesso tempo dolce, questo vino presenta un carattere robusto e si accompagna a carni e primi piatti di terra.

Il terzo vino della California di questa lista è di nuovo un bianco, il White Riesling del 2008, prodotto nell'area di Mendocino, nella tenuta Greenwood Ridge Vineyard. Si tratta di un vino particolarmente fruttato, dal gusto equilibrato e fresco, con una gradazione di appena 12°.

 

Recarsi negli USA per un tour enologico

Quando si parla degli Stati Uniti pochi pensano alla possibilità di realizzare un giro turistico completamente incentrato sulla scoperta dei sapori dei vini californiani. Se siete appassionati di vini, però, si tratta di un viaggio che dovreste progettare. Negli ultimi anni, grazie al visto ESTA (Electronic System for Travel Authorization), recarsi negli Stati Uniti è diventato relativamente semplice. Questo particolare visto, infatti, può essere chiesto online e viene rilasciato solitamente entro 24-48 ore. Per richiederlo è necessario essere in possesso di passaporto valido in quanto che l'ESTA verrà associato proprio al passaporto. Per poter entrare negli Stati Uniti è necessario che l'ESTA sia stato rilasciato visto che non basta la sola certificazione di richiesta del visto.

Uno degli aspetti più interessanti di questa autorizzazione è che ha una durata di due anni dalla data di emissione e permette di viaggiare negli Stati Uniti fino a 90 giorni consecutivi e per un massimo di 180 giorni all'anno. Questo significa che se si ha intenzione di programmare un viaggio alla scoperta dei vini e dei vitigni statunitensi si avrà tutto il tempo necessario!

 

Conclusioni

Recarsi negli Stati Uniti per un viaggio turistico o per lavoro è relativamente facile grazie al visto ESTA che possono richiedere tutti i cittadini italiani. Le informazioni su come ottenere il visto, sui tempi necessari e su come effettuare la richiesta possono essere trovate sul sito Visto-Usa.it.

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi