Quello che non sai sul famoso Big Mac di McDonald’s

Il Big Mac è l'hamburger più famoso del mondo. Dalla sua prima creazione alla fine degli anni '60, ha continuato a fare gli innumerevoli miliardi di dollari di McDonald's in tutto il mondo ed è diventato a dir poco un fenomeno culturale. Anche la ricetta (due polpette di manzo, salsa speciale, lattuga, formaggio, sottaceti, cipolle – su un panino ai semi di sesamo) è praticamente iconica.Nonostante la sua ubiquità, tuttavia, ci sono molti aspetti dell'esistenza del Big Mac che sono ancora poco conosciuti. In effetti, al di là del nome, degli ingredienti, del gusto e del prezzo (il Big Mac costa €7,17), sarebbe probabilmente corretto presumere che molte persone non sappiano molto della storia della vita del Big Mac.

Dalla sua storia, al suo creatore, al suo impatto sul mondo dell'economia, l'effetto che ha sul corpo umano e il leader mondiale che non può fare a meno di mangiarli a letto, ecco alcuni dei fatti più oscuri sul pasto di punta di McDonald's.

Il suo creatore non ha ottenuto un grande riconoscimento

Il Big Mac è stato creato da Jim Delligatti, imprenditore scomparso il 28 novembre 2016, nel 1967.

Doveva essere un rivale del panino caratteristico di Burger King, il Whopper, e doveva essere creato da Delligatti utilizzando solo ingredienti già disponibili nelle cucine di McDonald's. È stato lui a inventare l'intero design a due piani e a perfezionare l'ormai leggendaria salsa speciale. Dopo aver introdotto il Big Mac nel suo franchise, i suoi profitti sono aumentati vertiginosamente. L'hamburger è andato a livello nazionale un anno dopo.

Purtroppo, a sentire dalle sue stesse parole, sembra che, nonostante il grande successo del suo panino, gli sia stata data poco più di una targa.

Non è sempre stato il Big Mac

Sebbene il nome "Big Mac" sia ora praticamente inseparabile dall'aspetto e dal gusto dell'hamburger di punta di McDonald's, non è sempre stato chiamato così.

Quando Delligatti inventò per la prima volta il panino, lo chiamò l'Aristocratico, probabilmente per sottolineare il suo status di lusso nel menu. Tuttavia, non è riuscito a prendere piede con i clienti, principalmente a causa di quell'inevitabile soffio di elitarismo che sei destinato a sentire dopo aver chiamato un hamburger come una classe sociale dominante. L'Aristocratico è stato ribattezzato Blue Ribbon Burger, ma questo non è ancora riuscito a catturare i cuori e le menti dei consumatori.

Infine, nel 1967, una giovane segretaria pubblicitaria di nome Esther Glickstein Rose ha inventato il nome Big Mac. Come è prevedibile nel mondo della pubblicità americana degli anni '60, il suo contributo è stato trascurato nonostante l'incredibile successo del nome.

È in circolazione da più tempo di quanto pensi

Dopo essere stato servito per la prima volta a livello nazionale nel 1968, il Big Mac ha celebrato il suo 50° anniversario nel 2018. Per festeggiare, McDonald's ha introdotto il MacCoin: una moneta commemorativa distribuita ai clienti che hanno acquistato un Big Mac in una qualsiasi delle 14.000 località partecipanti. In quello che può essere descritto solo come un tentativo incredibilmente fuorviante di creare un'economia autosufficiente, il MacCoin potrebbe anche essere utilizzato per acquistare un altro Big Mac. Ogni MacCoin presentava uno dei cinque diversi design unici, ognuno dei quali rappresentava un decennio nella storia del Big Mac.

La moneta degli anni '70 era ispirata al flower power, la moneta degli anni '80 aveva un design pop art, la moneta degli anni '90 aveva un design astratto e la moneta degli anni 2000 mostrava la tecnologia dell'epoca, mentre la moneta degli anni '10 rappresentava il fulcro del decennio sulla comunicazione.

Ha un enorme impatto economico

L'impatto mondiale del Big Mac va ben oltre l'industria alimentare. Nel 1986, The Economist ha introdotto l'indice Big Mac: un indicatore universale del fatto che le valute globali sono attualmente al livello "corretto". C'è un sacco di fantasiose teorie economiche che guidano l'indice Big Mac, che ha principalmente a che fare con la parità del potere d'acquisto, che misura la capacità dei tassi di cambio di progredire in modo che il prezzo di un determinato prodotto diventi lo stesso oltre confine. In questo caso, quel prodotto è il Big Mac.

Ciò che è nato come uno scherzo è stato ora accolto dagli economisti di tutto il mondo e l'indice Big Mac è ora accettato come standard globale e viene insegnato agli studenti di economia praticamente in ogni paese. È una testimonianza del fascino universale del Big Mac e dell'immediata riconoscibilità dell'hamburger in tutto lo spettro culturale.

Indovina chi li mangia a letto?

Essendo così diffuso, non dovrebbe sorprendere che il Big Mac abbia alcuni fan famosi. Forse la cosa più sorprendente di tutte è Donald Trump. Secondo il libro rivelatore del giornalista Michael Wolff Fire and Fury, il 45° Presidente degli Stati Uniti d'America si diverte a passare le serate seduto a letto mangiando Big Mac e guardando la televisione.

Wolff afferma che l'insistenza di Trump nel mangiare da fast food non è solo una questione di gusti, ma crede anche che riduca le sue possibilità di essere avvelenato. L'ex manager della campagna Trump Corey Lewandowski ha affermato in passato che l'ordine standard del presidente da McDonald's è di due Big Mac, due Filet-O-Fish e un milkshake al cioccolato. E come fa il politico più famoso del mondo a portare i suoi Big Mac sul suo tavolo (o letto)? Mandando le sue guardie del corpo a prendergliele, ovviamente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi